idee

specchio, specchio…

Ho comprato uno specchio, esattamente quello che avevo in mente.

Da fiaba, tipo Biancaneve o Alice attraverso lo specchio.

Putroppo mi si è rotto il vetro mentre tentavo di dividerlo dalla cornice. E ora ho 7 anni di sfortuna e una cornice vuota.

Poco male, la cornice tornerà specchio solo quando sarà come dico io.

Chissà se alla fine ci si specchierà Crimilde.

E la poltroncina? E’ ormai finita, mancano solo le ultime rifiniture.

Ecco un piccolo dettaglio

Borsa per reflex

La reflex è uno degli ultimi acquisti, una Nikon D60 usata per fare un po’ di foto in giro.

Ma portare la reflex con la sua borsa o con uno zaino è un po’ scomodo quando si va per esempio in giro per la città con anche la borsa in spalla.

Ho pensato quindi come fare un contenitore per la fotocamera che fosse possibile inserire nella borsa, in modo da proteggerla e portare un’unica borsa.

La borsa ideale deve avere un fondo, quindi niente shopping piatte, doppi manici per aprirla agevolmente e possibilmente una tracolla per trasportare il peso.

Io ho trovato questa

per il contenitore ho usato una vecchia borsina da spalla, per l’imbottitura del di materiale usato per imballare parti di computer (nel mio caso arriva dalla sala macchine di un’azienda informatica)

Ho scucito la fodera interna e tolto la tracollina e ho posizionato e incollato la gommapiuma al’interno della borsa

ho aggiunto uno strato più sottile ricavato dall’imbottitura di una vecchia tovaglietta e ho rimesso la fodera.

Per tutte le operazioni ho usato solo colla per tessuti, troppo caldo per usare la macchina da cucire

Ecco la borsa imbottita dentro la mia borsa, senza e con la reflex

la dimensione della borsa fa sì che quando si chiude la zip la borsa interna resta bloccata e la macchina non si puù muovere.

C’è anche lo spazio per un obiettivo piccolo, tipo un 50mm, basta prendere uno dei quadrati di imbottitura e incollare un po’ di velcro perché resti fermo.

riciclare è sempre meglio

Quando ho comprato il mobile per il bagno mi sono imbattuta anche in un piccolo comodino singolo, messo sopra altri mobili. un comodino che sta in studio da allora, in attesa di una mia ispirazione per rivederlo.

Poi oggi sono andata in un garden center che vende un po’ di tutto, compresi mobiletti (e cibo per gatti, il motivo per cui ero lì) e ho visto questo

per curiosità ho controllato il cartellino del prezzo e questo è quello che ho visto

Mi domando chi compra questi mobili finti shabby, fatti in cina in serie, per quel prezzo, quando è possibile riutilizzare qualcosa esistente, magari fatto meglio, e renderlo quasi uguale nel risultato (e se è un po’ rovinato è perché è vecchio, non perché qualcuno ha fatto finta di invecchiarlo).

Da domani comincio la preparazione per far rivivere questo vecchio comodino e vedremo alla fine quale sarà il migliore.

un altro porta notebook

Volevo fare una custodia ad una persona che ha avuto in regalo il suo primo macbook. Mi sono messa a pensare cosa potevo riciclare per ottenere qualcosa di carino. Poi mi sono ricordata di due articoli che avevo messo nei bookmark qualche tempo fa.

Ho guardato il post di Design*Sponge e uno degli articoli di Instructables e sono andata a comprare il materiale per fare qualcosa di simile.

Per il feltro sono andata sul sicuro nel negozio di stoffe più fornito della città, mentre per il velcro colorato mi sono affidata a google. Fuori da un negozio dove non lo avevo cercato senza successo, ho attivato il browser del BlackBerry e ho scritto merceria verona.

Il primo risultato è stato questo, la merceria dal 1936. Il posto non era distante, la piazza principale del famoso quartiere Chievo e arrivata lì mi si è aperto un mondo. Qualcosa si vede anche dal sito, ma è un negozio pieno di perline, aggeggini, colori e varie. Approccio la signora con poca speranza e invece avevano velcro di ogni colore. Mi sono fatta un po’ prendere dall’entusiasmo e li ho comprato tutti.

Una volta avuto il materiale l’esecuzione non è stata molto difficile. Per gli angoli arrotondati ho usato una tazza da te.

Ho risolto il problema del come fissare il velcro con una colla fornita dalla signora della merceria: la stessa che usano nei loro corsi quando devono applicare le perline alla stoffa.

Questo è il prototipo, alcune cose sono migliorabili, ma il lavoro finito non mi dispiace.

come ho riciclato i vecchi comodini

Quando ho sostituto i comodini dell’ikea con quelli che avevo ricreato io, mi è stato chiesto cosa ne avrei fatto dei vecchi.

Avevo già un’idea e quando ho finito il mobiletto per la cucina, ho potuto realizzarla.

Per mettere il mobiletto un cucina ho dovuto togliere la cassettiera su rotelle che avevo in quell’angolo. La cassettiera mi serviva per poter mettere via il materiale per le creazioni, perché il mio studio ogni giorno che passa rischia di essere sommerso dalle cose.

Così ho preso i due comodini, ho tolto le rotelle e li ho posizionati sopra alla cassettiera e questo è il risultato

sopra ci sono le scatole (e la nostra piccola dotazione tecnologica) e sotto nella cassettiera tutto quello che prima era sparso per la stanza.

il cassetto di stoffa

Per il comodino mi serviva qualcosa che facesse da cassetto, per tutte quelle cose da non lasciare sul piano. La mensola sospesa serve proprio per appoggiare questo cassetto in modo da accedere agevolmente.

L’idea iniziale era di usare la macchina da cucire e qualcosa di rigido da usare come sostegno. Ho provato cartone e plastica, ma mi sono accorta che non sarei riuscita ad usare la macchina per cucire tutte le cuciture per problemi di angoli. Così alla fine ho preso 2 scatole da scarpe uguali (credevate che le avessi finite dopo il progetto scatole?), ho tagliato due rettangoli di stoffa, uno per l’esterno e uno per l’interno e ho utilizzato della colla per tessuti.

Ho ottenuto due scatole della misura giusta, leggere e comode da utilizzare.

Vecchi comodini

Questa settimana ho lavorato su un progetto che non è andato come volevo e quindi mi sono trovata a dover ripensare l’idea iniziale. L’idea è quella di lavorare su mobili di recupero per rinnovarli e dare loro nuova vita.

Sono andata in un mercatino. Non un mercatino qualunque, ma un associazione di volontariato a cui vengono regalati mobili vecchi, che poi si riescono a comprare per pochissimi euro.

L’associazione si chiama Giracose, e il suo scopo principale è creare un nuovo stile di vita più equo e sostenibile attraverso il riuso e il riutilizzo delle cose. In quest’ottica è il mercatino giusto per me e e le mi idee di riciclo creativo!

Questo giro ho preso due comodini, di quelli vecchiotti di una volta, impiallacciati e con le gambe un po’ strane.

L’idea è quella di trasformarli in modo da inserirli nella mia camera da letto, moderna, dove predominano i colori bianco e blu aviazione. Vediamo cosa ne verrà fuori.

scatole!

Dopo aver finalmente finito la mia libreria-scarpiera mi sono trovata con molte scatole di scarpe. Per il cambio stagione ho comprato da Ikea delle scatole più definitive, ho, quindi, messo nel sottotetto tutte le scatole vuote, indecisa se buttarle nella carta e sono rimaste lì per un po’ di tempo, finché non mio sono decisa a fare ordine.

Stavo per appiattirle tutte e fare un sacchettone, quando mi è venuta un’idea.

Torna su