Piccola isola per la cucina

Da qualche mese ho voglia di rinnovamento in casa.

Tutto è partito da una pitturata ai muri di casa che mi ha portato a rivedere alcuni spazi e soprattutto a pensare come sistemare il bagno. Dopo 8 anni il mio mobile con il lavandino era un po’ rovinato e avevo voglia di dare una rinfrescata al bagno, troppo rosa per i miei gusti.

Così ho deciso di intraprendere un lavoro, non ancora finito, di miglioramento generale, e di cambiare completamente mobile e lavandino. E cosa meglio della mia isola della cucina per creare un bella zona con tutti i miei cosmetici e tanta luce?

RImettere le mani su quel mobile mi ha portato, però, un problema: come organizzare tutte le cose che prima erano nei cassetti e nelle ceste?

La cucina è tornata nella sua conformazione originale, con la colonna frigo trasformata in dispensa e la colonna forno completamente chiusa, grazie al nuovo microonde che sta sotto ai pensili. Quello che mi manca è una bella isola con tanti cassetti dove mettere tutto quello che ora è un po’ ammassato in giro, ma questo è un progetto che ha bisogno di qualcosa di strutturato e devo ancora capire come progettarlo.

Nel frattempo mi sono creata un piano di lavoro veloce e a basso costo con poche cose acquistate e qualcosa recuperato in casa.

Sono partita da una piccola libreria di Lidl, da 30€, da 4 gambe che avevo in casa e da un piano in legno tagliato su misura, preso in un brico.

 

Aggiungendo poi due piani aggiuntivi, tagliati da due mensole che avevo già in casa, tre scatole contenitore, sempre di Lidl, e dei contenitori Variera di Ikea, ho creato uno spazio dove mettere tutto quello che prima era nell’isola.

Il risultato è una piccola zona lavoro con dietro il vecchio tavolo che, per ora, sostituisce abbastanza bene quella di prima.

E il bagno? Quello è stato un lavoro più complesso, non ancora finito completamente, ma intanto ecco una piccola preview con il nuovo mobile.

 

 

 

More from Stefania Girelli

Il vero post di inizio anno

Questo blog compie un anno. Un piccolo progetto folle che mi sono...
Read More