Carrello per il barbecue

Abbiamo acquistato il nostro barbecue a gas quando non avevamo ancora in mente di usare quasi metà della terrazza per allargare il nostro soggiorno. Il posto era tanto e il barbecue poteva stare in un angolo senza intralciare. Con la nuova versione della casa tutto deve stare nel pezzo di terrazzo davanti alla cucina, il barbecue occupava tutto un angolo e non c’era posto per un mobile aggiuntivo. IMG_20140517_140005   La prima idea è stata “cambiamo il barbecue!”, ma con la maggior parte dei modelli non si risparmiava molto spazio e poi funziona ancora benissimo. Ho cercato allora un modo per eliminare il carrello e utilizzare lo spazio sottostante, tipo un mobile chiuso in metallo. Ma, anche qui, le soluzioni trovate non erano proprio soddisfacenti. E alla fine la soluzione: “riciclo!”. Ho utilizzato una panca e uno scaffale della serie MOLGER di Ikea, probabilmente tra delle prime cose che abbiamo comprato per arredare il bagno in mansarda che poi sono finite in terrazza come appoggio e portapiante. Lo scaffale era già stato tagliato per ottenere uno sgabello e uno scaffale più basso. IMG_20140507_155919 Recuperando quindi le spalle dello scaffale, i due ripiani della panca e aggiungendo delle rotelle alle gambe ho creato un mobile spostabile a cui è stato appoggiato il barbecue, fissato con 4 fascette alle gambe. Per appoggiare la bombola ho recuperato un FROSTA in miniatura, che mi porto dietro dagli anni 90 e che non credo venga più prodotto.   Per completare il tutto ho acquistato delle ceste in plastica colorata in cui ci sono i pochi attrezzi da giardinaggio più qualche altra cosa che usiamo in terrazza. Si vede anche la parte di scaffale rimasta, che è diventata uno sgabello con appoggio. E il tavolo? È ancora appoggiato in casa, sto studiando un modo per fissare le gambe in modo che sia ben stabile, ma il primo tentativo è non è andato bene. Ancora non so se riuscirò a arrivare alla fine o se mi dovrò arrendere e dichiarare il fallimento di un progetto.

More from Stefania Girelli

Come la faccio?

Qui ci vuole qualcosa di diverso…  un po’ di nero?
Read More